La Processione dei Misteri di Trapani

A Trapani il venerdì Santo, si vive il ripetersi di una tradizione secolare che rappresenta la passione e la morte di Cristo: La Processione dei Misteri. Si tratta di 18 gruppi scultorei più
due simulacri, realizzati in legno, tela e colla tra il XVII il XVIII secolo dalle fiorenti botteghe artigiane trapanesi. La processione ha origini spagnole, e fu gestita dalla Confraternita del
Preziosissimo sangue e successivamente dalla Confraternita di San Michele, e nel corso degli anni venne affidata alle corporazioni artigiane, le maestranze, dalle quali, nel 1974, nacque l’Unione Maestranze che è la vera macchina organizzatrice di questo splendido ripetersi di una tradizione secolare che non ha mai perso il proprio fascino nonostante i patologici cambiamenti dettati dal passare del tempo. Alle 14.00 in punto del Venerdì Santo, i Sacri Gruppi escono dalla chiesa barocca del Purgatorio, addobbati da fiori e ornati da antichissimi argenti, figli delle fiorenti botteghe artigiane trapanesi di un tempo, portati in spalla dai portatori(i massari) a tempo delle marce funebri intonate dalle bande musicali, per poi snodarsi lungo un percorso che tocca le principali vie della città, per quasi 24 ore e senza interruzioni. Durante la notte i Misteri percorrono le vie più caratteristiche e belle del centro storico, passando velocemente in mezzo alla gente senza bande e processioni; è l’alba, le processioni si ricompongono, le bande ricominciano a suonare, e tra un’annacata e l’altra viene percorso l’ultimo pezzo del tragitto. (Si ringrazia Francesco Genovese e l’Unione Maestranze)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

ItalianoEnglishFrançaisDeutschEspañol